Storia dell'Italia repubblicana
Presentazione
a cura di Guido Panvini


La storia dell’Italia repubblicana è una storia relativamente recente, ma molto complessa, fatta di cesure e passaggi spesso drammatici e che, al contempo, ha come protagonista uno straordinario tessuto politico, sociale ed economico. L’Italia repubblicana è stata, anche nella seconda metà del Novecento, un laboratorio politico e culturale importante, capace d’influenzare la scena internazionale e di conservare, contemporaneamente, una sua specificità rispetto al contesto europeo.
La storiografia sull’Italia repubblicana è di conseguenza una storiografia articolata, aperta alle altre scienze sociali e alla politologia; vi è poi una vasta gamma di ricerche, disperse nei mille rivoli della produzione saggistica e scientifica, che arricchiscono il panorama degli studi oggi a disposizione.
La nostra sezione si propone di far emergere la complessità di questa storia e della sua storiografia: «nelle vicende del nostro passato» - ha scritto Corrado Vivanti - «sono presenti durevolmente fratture e tendenze centrifughe tanto forti da sovrastare ogni processo unificatore sino ad anni relativamente vicini a noi»; eppure, aggiungeva, «la società in cui viviamo appare costituita da elementi saldatisi attraverso processi più complessi e profondi e insieme più remoti».
Questa strada, irta e tortuosa, è quella che scegliamo per affrontare i nodi problematici che attraversano la vicenda repubblicana, con particolare attenzione alle fratture e alle linee di continuità, anche nella prospettiva della lunga durata.
La nostra sezione privilegerà l’analisi del ruolo dei partiti di massa, delle loro culture e forme associative, del cambiamento dell’idea di nazione contestualmente al formarsi di una coscienza europea, della dinamica generazionale e delle forme della conflittualità politica e sociale negli anni della Repubblica. Ci interrogheremo sulla funzione dello Stato, sulla natura del potere, sulla sua articolazione a livello locale. Affronteremo le modalità di formazione delle diverse tradizioni politiche e della stratificazione delle memorie; ci apriremo, infine, a nuovi campi d’indagine: dai rapporti tra i sessi alle pratiche elettorali, dal ruolo dei movimenti sociali e civili al tema della violenza, dall’interazione tra mondo politico ed economico al nodo della cultura e al ruolo degli intellettuali.
Alla storia dell’Italia repubblicana guarderemo attraverso una prospettiva comparativa, con particolare attenzione ai paesi dell’Europa continentale e dell’Europa meridionale e mediterranea.
Un approccio interdisciplinare, infine, caratterizzerà il nostro lavoro, per dotarci di tutti gli strumenti possibili per immergerci in questa Storia.




Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Visite
1 Gli anarchici e la trasformazione dell’Italia repubblicana. Spunti di ricerca e riflessioni per la storia di un movimento 463
2 Per una riflessione sull’anarchismo nella storia d’Italia 478
3 Recensione:Stefano Mangullo, Dal fascio allo scudo crociato. Cassa per il Mezzogiorno, politica e lotte sociali nell’Agro Pontino (1944-1961) 303
4 Recensione: Leonardo Campus, Non solo canzonette. L’Italia della Ricostruzione e del Miracolo attraverso il Festival di Sanremo 476
5 Riflessioni sulla storiografia della transizione italiana a partire dalla biografia di Claudio Martelli. Ricordati di vivere, 959
6 Recensione: Petra Terhoeven, Deutscher Herbst in Europa. Der Linksterrorismus der siebziger Jahre als transnazionales Phanänomen 1052
7 La storia del comunismo nel rapporto tra intellettuali e partito. Il caso francese, Gregorio Sorgonà 1327
8 Recensione: Paolo Acanfora, Miti e ideologie nella politica estera Dc. Nazione, Europa e Comunità atlantica (1943-54) 1279
9 Recensione: Michelangela Di Giacomo, Da Porta Nuova a Corso Traiano. Movimento operaio e immigrazione meridionale 1129
10 Recensione:Gabriele Donato, “La lotta è armata”. Estrema sinistra e violenza: gli anni dell’apprendistato, 1969 2052
11 La tercera oleada de violencia política internacional. Los casos del MLN - Tupamaros en Uruguay y las Brigadas Rojas en Italia 1932
12 Recensione: Carlo De Maria (a cura di), Le Camere del Lavoro in Emilia-Romagna: ieri e domani 2323
13 Recensione: Valerio Vetta, Il Pci in Puglia all’epoca dei poli di sviluppo (1962-1973), Argo, Lecce, 2012, ISBN 687
14 Recensione: Massimo Mastrogregori, La lettera blu. Le Brigate Rosse, il sequesto Moro e la costruzione dell’osta 808
15 Women, Labour movement and Welfare State in Italy 3634
16 «La spirale de la violence se développe en Italie». La presse française face à la « crise italienne 1459
17 Recensione. Carlo De Maria, Bologna futuro. Il “modello emiliano” alla sfida del XXI secolo 1086
18 Recensione. Francesco Maria Biscione, Il delitto Moro e la deriva della democrazia 1958
19 Al capezzale del malato: l’Italia nei principali quotidiani francesi durante il sequestro Moro 1303
20 Seminario: Il "modello emiliano" nella storia d'Italia tra culture politiche e pratiche amministrative (1889-2012) 1729
21 Per una mappatura degli archivi dei movimenti in Sicilia 1618
22 Rete degli archivi per non dimenticare: gli sviluppi del progetto e la realizzazione del portale tematico. Intervista alla coordinatrice Ilaria Moroni 1064
23 Scheda di dottorato: Il Post-concilio. Cattolicesimo e politica in Italia dal Vaticano II al dissenso (1966-1969) 2122
24 Recensione: Marilisa Merolla, Rock’n’roll Italian Way. Propaganda americana e modernizzazione nell’Italia che cambia al ritmo del rock 1954-1964 1593
25 Recensione: Thierry Lefebvre, La Bataille des radios libres 1977-1981 1021
26 Sergio Garavini, abitare l’utopia: un convegno tra Ponza e Roma 1420
27 Recensione: Piero Bevilacqua Il grande saccheggio. L’età del capitalismo distruttivo. 2675
28 Recensione: Marco Gervasoni, Storia d’Italia degli anni ottanta. Quando eravamo moderni, 3337
29 Recensione: Marco Adorni, Voci di vetro. Testimonianze di vita alla Bormioli Rocco di Parma 1615
30 Recensione: Vera Capperucci, Il Partito dei cattolici. Dall’Italia degasperiana alle correnti democristiane 1471
31 “La politica mediterranea dell’Italia. Il governo italiano e la Democrazia Cristiana di fronte al mondo arabo negli anni del centro-sinistra (1963-1972) 2475
32 Editoriale: L’Italia repubblicana vista da fuori 2221
33 Recensione: Massimiliano Panarari, L’egemonia sottoculturale. L’Italia da Gramsci al gossip, 3051
34 Recensione: Fabrizio Loreto, L’unità sindacale (1968-1972). Culture organizzative e rivendicative a confronto, Roma, Ediesse 2009, di Luciano Osbat 1745
35 Recensione: I liberali italiani dall’antifascismo alla Repubblica 2182
36 Recensione: L’Italie contemporaine, de 1945 à nos jours, sous la direction de Marc Lazar 1551
37 Recensioni: Due proposte per la storia della cultura: Michela Nacci, Storia culturale della Repubblica e Andrea Di Michele, Fiorella Menini (a cura di), Libri sotto il littorio. Due fondi librari del periodo fascista a Bolzano 2176
38 Recensione: Alberto Mario Banti, Le questioni dell’età contemporanea, 4809
39 La storia delle regioni nell’ultimo seminario nazionale della Sissco 2311
40 Recensione: Guido Crainz, Autobiografia di una Repubblica. Le radici dell’Italia attuale 3458
41 Aldo Moro statista 4165
42 Recensione: Luigi Ambrosi. La rivolta di Reggio. Storia di territori, violenza e populismo nel 1970 2830
43 Recensione: Carmine Pinto. Il riformismo possibile. La grande stagione delle riforme 2924
44 Recensione: Atlante storico-elettorale d'Italia (1861-2006) 5469
45 Intervista Marc Lazar 2391
46 Presentazione volume Politica e propaganda politica nell'Italia del secondo dopoguerra (1946-1956) 2311
47 Recensione: Salvatore Lupo. Quando la mafia trovò l’America. 5231
48 La violenza e la storia della Repubblica. 4579
49 Recensione: Enrico Landoni. Il laboratorio delle riforme. 3130