Cinema e storia
Cinema, Storia, Memoria.
di Mariella Cruciani

Il cinema, come la memoria è la
possibilità di far accadere il passato
in un altro modo, la possibilità di
ricominciare a vivere la propria storia
e di sperimentarla in modi diversi…


Nel 1920, David Griffith, regista di Nascita di una nazione (1915) e di Intolerance (1916), presagiva la graduale sostituzione dei libri di storia con i film storici, sostenendo che il cinema insegna in un lampo. In tempi a noi più vicini, Gian Piero Brunetta ha scritto che il grido della Magnani (“Francesco! Francesco!”) in Roma città aperta (1945), il suo divincolarsi e correre dietro al camion con i prigionieri prima di cadere sotto la raffica del mitra, hanno raccontato la lotta al fascismo più direttamente e emblematicamente di migliaia di documenti storici. Senza cadere in aspettative ingenue o eccessive, bisogna riconoscere che, effettivamente, il cinema ha avuto nel corso del Novecento un ruolo essenziale e fondante per la memoria individuale e collettiva. I film sono come i treni nella notte, diceva Truffaut, evocando movimenti nello spazio e nel tempo. Inoltre, se è vero che senza scrittura non si dà Storia, è altrettanto vero che l’immagine, dalle origini, è stata di grande aiuto alla comprensione del passato: affreschi, dipinti, resti architettonici hanno fornito un contributo determinante al nostro sapere. Tornando al presente, stupisce constatare la circolarità del percorso di ricostruzione storica del passato: partendo dall’immagine e passando attraverso il dominio incontrastato della parola scritta si fa, oggi, ritorno all’immagine (cinema, fotografia, televisione, internet). Lo storico Peppino Ortoleva ha intitolato, significativamente, Mediastoria uno dei suoi libri. Fotografie, film, documentari costituiscono per gli storici avveduti un materiale importantissimo per ricostruire lo spirito di un’epoca. Naturalmente, bisogna fare attenzione: il cinema, ma anche la fotografia, non sono un semplice specchio del reale, qualcosa di assolutamente oggettivo, come si credeva agli albori di entrambe le arti. Un film, o una fotografia, implicano, necessariamente, la scelta di un punto di vista: non sono, cioè, in grado di mostrare il passato come realmente era. Possono, però, sollecitare curiosità, spingere al confronto, essere un ideale punto di partenza per giungere all’approfondimento e ad una reale conoscenza, e presa di coscienza, storica.

Si dice che quando Hitler si mise a tavolino per pianificare la “soluzione finale”, uno dei suoi uomini gli chiese: “Non crede che il mondo si scandalizzerà?”. Hitler rispose: “C’è qualcuno al mondo che ricorda il genocidio degli Armeni? No, allora andiamo avanti”. Perché non accada mai più niente di simile, ci piace inaugurare questa sezione dedicandola alla necessità di coltivare, e onorare, la memoria. E’ questo, forse, il servizio più grande che il cinema, già veicolo e strumento di memoria per molte generazioni, può rendere, ancora oggi, alla Storia.



Filtro titolo     Mostra # 
# Titolo articolo Visite
1 I film del secolo. Un libro di Rossana Rossanda con Mariuccia Ciotta e Roberto Silvestri 1485
2 Racconti di immigrazione nel cinema del reale, di Vincenzo Valentino 5321
3 Romanzo di una strage 1131
4 Incontro con Marco Tullio Giordana 1097
5 Immagini del potere nel cinema di Marco Bellocchio 1673
6 Recensione: Bernardo Bertolucci. La mia magnifica ossessione – Scritti, ricordi, interventi 1962-2010 2161
7 Il “Novecento” di Bernardo Bertolucci 3369
8 La mia magnifica ossessione - Incontro con Piero Spila 2136
9 Recensione: Maurizio Zinni, Fascisti di celluloide. La memoria del ventennio nel cinema italiano (1945-2000) 2739
10 Recensione: Lino Micciché. Patrie visioni. Saggi sul cinema italiano 1930-1980 ( a cura di Giorgio Tinazzi e Bruno Torri) 1834
11 Lino Miccichè: La passione e l'impegno 1616
12 Incontro con Bruno Torri 1638
13 Giuseppe Tornatore, una vita tra le immagini: cinema e fotografia 1846
14 Vestire la Storia 1675
15 L'allestimento della Storia, passata e presente. 1751
16 Film storici e film in costume 5124
17 La ciudad quemada: Una rilettura filmica della storia "tragica" di Barcellona 3071
18 L'America di "Perché combattiamo” (1942-45) 3281
19 L'Unione Sovietica e i “Tre canti su Lenin” (1934) 3825
20 L'italia in "camicia nera" (1932) 5934
21 Il cinema di propaganda tra le due guerre 4770
22 Intervista a Paolo D’Agostini 3155
23 Recensione: Paolo D'Agostini. Dizionario della commedia 3005
24 Commedia e società 3724
25 Incontro con l'autore. Intervista a Maurizio G. De Bonis 3320
26 Recensione: Maurizio G. De Bonis. L'immagine della memoria - La Shoah tra cinema e fotografia 3973
27 SHOAH di Claude Lanzmann 4409